Bramosia sacrilega

Desiderio
 
Possiedimi, mentre lento penetri fin in fondo alla mente mia.
Lambiscimi, mentre quieto conficchi la tua lama nel mio cuore, pulsante.
Distruggimi, orrore oscuro, mio unico Desiderio. […]
 
 
Mentre mi cullo fra le onde dell’universo mentale, lievi le piume svolazzano in aria, fra i miei
occhi e lo sguardo confuso. Il vento, nembifero, scuote il mio corpo, producendo scosse che
smuovono le acque intorno a me, facendole apparire come gelose sorelle. La luce della Luna
si riflette in acqua, rimbalzando sulla mia morta carcassa.
Il vento è ora tempesta, e le piume scompaiono.. Il mio corpo fortemente vien scosso e la
luce della Luna è ora spezzata. Un’onda rosso sangue mi è ora dinanzi, pronta a travolgermi
nel suo turbine malefico.. Vengo sommerso, i miei occhi si riempono, il mio sguardo, vuoto…
 
Un’accozzaglia di stelle si presenta ora agli occhi del mio spirito, implodendo in grandi bagliori.
Il mio corpo si riscalda fin a creare vapore, e la mia pelle inizia lentamente a decomporsi..
Pelle, ossa, muscoli, tutto scompare, affinchè il nulla diventi il mio unico essere. Dall’alto posso
ora osservare il mio corpo senza vita piombare nelle cascate del passato, mentre dai suoi occhi
socchiusi scendono lacrime adamantine.. Sale ora la disperazione, e mentre il mio spirito cerca
inutilmente di ricongiungersi al proprio guscio, viene catapultato nuovamente nel mare del
disastro..
 
Tutto è buio, e apro gli occhi. […]
 
Opaco, il cielo è avvolto da fitta nebulosa. Il rumore delle onde infrante.. Galleggio nel vuoto e
pian piano mi dileguo, sfuggente come l’aria, impalpabile come le fiamme dell’inferno. Le nebbie
si diradano, e offuscata appare una forma, galleggiante, sotto me..
Le forme spigolose, l’aspetto orrendo e mostruoso; un Demonio, mandato da Dio. Gli occhi sono
aperti, e il furore vermiglio ne fuoriesce. Le fauci larghe, pronte a divorare ogni dove, a divorare
anche me.. Nonostante ciò, la sagoma è immobile, giacente, trasportata dalle onde purificatrici.
 
                                                               […]
 
Un ombra all’orizzonte… un lucente rapace s’avvicina alla mostruosità incombente.. Pochi secondi
e le fiamme avvolgono i contendenti di un’epica battaglia, fondendo i loro corpi massicci.
Nell’arena i due avversari si confrontano con indicibile piacere… tuttavia, la lotta appare impari,
poichè la figura celestiale finisce per stringere l’avversario nel suo lieto abbraccio, dopo ogni
singolo colpo…
 
La lotta è ora conclusa. Le figure, coperte da nebulose che impediscono la conoscenza del vinto
e del vincitore. Il silenzio, ora sovrano, permette al terrore di assalirmi e gettarmi nel panico,
nonostante io sia solo uno sciocco spirito, privo di vita… di sentimenti..
Le nebbie si scompongono, creando volti dalle mille espressioni, e mentre vengo sovrastato
dai lamenti di quei fantasmi, vedo apparire due figure, sospese in aria, l’una in fronte l’altra…
ma non più le stesse figure.. Ciò che m’appare dinanzi adesso sono un Angelo, portatore di
luce celestiale, e un Demone, avvolto dalle pire.. Pian piano il corpo del Demone si decompone,
gettando ogni singolo pezzo nel Maelstrom oscuro che scaturì…
Il viso dell’angelica figura era adesso rivolto verso me, verso il mio sguardo, fecendomi
rabbrividire alla vista di occhi in grado di darti tutto, com’anche possano togliertelo..
Siamo difronte… io e Lei…
 
Un arto si solleva, e una mano, liscia e fresca, attraversa ora la mia anima. Pochi, corti minuti,
in un mondo fra illusione e realtà, favola e leggenda, così vicino a Lei da poter avere risposta
a tutte le domande…
Ora nulla più. Dinuovo faccia a faccia, come due acerrimi nemici.. Il suo sguardo era ora
spento, e il mio totalmente morto; la sentì, mi sussurrò, per poi voltarsi e sparire… e mentre
osservavo fuggire il mio Desiderio, spostai la vista in basso, e lo vidi… il mio corpo, sprofondare
nel Nulla. […]
 
 
 
                                                                                    [ Piange il mondo per un Desiderio…
                                                                                      Piango io, per averlo trovato… ]
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Bramosia sacrilega

  1. Meno ha detto:

    Ogni volta che leggo i tuoi interventi, mi fai pensare che una parte di te muore…da quello che ho letto in questo intervento è come se hai una battaglia interiore quindi penso che una parte di te ti dice di fare una cosa mentre l\’altra ti dice l\’opposto, forse mi sbaglio…cmq se fosse così è un bel problema perchè non sai cosa scegliere, cmq nella vita anche se non arrivi hai tuoi obbiettivi, non cade il mondo fidati…P.S. (guarda il testo ci sn errori fidati di scrittura)…Cerca di riprenderti da sto periodo….

  2. Meno ha detto:

    Visto alla fine ti ho lasciato un commento…😀

  3. Emanuele ha detto:

    Preso atto degli errori: smtimenti e dao… non sembro manco io.. XDComunque grazie Brother.. U.U [ Il padrone illegittimo ]

  4. ♬_d尺乇ムᄊ乇尺_ᄊu丂ic_ ♬ ha detto:

    Ema… i tuoi interventi sono bellissimi, ma questo in particolare, mi ha fatto salire una cosa che non so spiegare… Complimenti.Comunque volevo rispondere a quello che ha detto Meno, cioè lui dice che se non si arriva ai propri obbiettivi non cade il mondo, ma secondo me, invece, sono gli unici che ci fanno rialzare, quando cadiamo, perchè vuol dire che abbiamo ancora qualcosa per cui continuare a lottare… Quel desiderio, è la tua lotta.

  5. Emanuele ha detto:

    L\’eterna lotta… Grazie Ile..[ Il padrone illegittimo ]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...