L’opera d’un folle

Pazzia
 
Ieri notte una congerie di pensieri mi ha avvolto, gettandomi in una prigione, ai margini del
nulla. Una freccia esiziale trafigge ora la mia anima, mentre fiera ella prepara il mio piatto
mortale.
Fù in quel momento che il flavo chiarore di raggi accecanti m’illuminò…
 
Un campo in fiore s’innalza ora fin in cielo, e l’effluvio della vita risveglia il mio morto olfatto.
All’orizzonte un’immagine offuscata si muove in mia direzione, e io, pietrificato, osservo
l’incombere della fine.
Mentre il mio viso si fa sempre più lattescente, sento un brivido pervadere il mio essere, una
presenza che non è altro che un unico truismo.
Rorido, muovo verso la figura opposta, mentre lente gocciolano le lacrime del terrore.
I petali volan via, seguendo le scie del vento, lambendo il mio corpo, vuoto..
Eccomi, sono dinanzi a cotanta veemenza, e nulla più dissimula la mia paura. In uno stato
d’inibizione tremo, mentre cauto un suo arto si solleva, per poggiarsi sul mio capo…
 
Come nuova vita, sono ora in un giaciglio d’odio e panico, mentre sempre più mi
annichilisco, provato da innumerevoli emozioni. Il mio cuore, solingo, si svuota sempre più,
mentre cado nella fitta nebulosa dell’oscuro oblio..
Il buio, dimora della dannazione, mia unica casa, in grado d’occultare ogni mio tumulto.
Nell’inscrutabilità del nulla son orbo e sordo, mentre il frutto del male s’insinua leggiadro
nella mia carcassa senza vita, donandole nuove parvenze.
Torna il colore, torna la cera, torna ciò che mai sarebbe dovuto tornare, e mentre esausto
mi convinco d’esser niente, la mano si solleva, rigettandomi in universi paralleli, ove ogni
sicurezza svanisce in polvere..
 
 
Mi calo in un profondo sonno e ligio dirigo il mio cammino verso la luce lunare. Le stelle
formano un sentiero di luce e ombra… loro, uniche compagne del mio lungo cammino.
La brezza seco mi porta verso la fine ed i piangenti Padri. Fra mille fantasie, pongo un
passo innanzi al precedente, e poi un altro ancora, senza sosta, senza fine. Ogni sentore
del mio passaggio svanisce, cancellato dalla luce di brillanti comete che sole tergono il
pianto del mondo. Il luttuoso andamento del tempo oramai non è più calcolabile, ed il
lido del sentiero si coagula in strana materia. L’inscindibilità della via è ora incerta, e
mentre essa si disgrega, chiudo gl’occhi, e piombo nel nero pece delle profondità
universali.
I cosmi appaiono e scompaiono in brevi istanti, illuminando e deridendo le mie sensazioni,
mentre lame affilate s’inoltrano in me. Le luci del passato, del presente ed anche del futuro
mi appaiono in brevi, ma interminabili attimi, mentre le mie fattezze si tingono del caldo
sangue del tempo. Spoglio d’ogni essenza, protendo le braccia all’estenuante ricerca di un
appiglio per i miei desideri, oramai scacciati dal mio insulso cervello.
In caduta libera, verso il termine del Mio creato, sfumo ogni credenza, nella speranza che
il nembifero scorrere delle stagioni cessi d’esistere..
 
Prima ancora di veder concludere tutto ciò, sono nuovamente quelle sfiatanti voci,
insopportabili nemiche del sonno..
Così, mosso da un ammasso increspato di forze, mi dirigo verso il balcone della mia
stanza, chiedendomi, domandandomi, se tutto fosse solo un sogno. […]
 
 
 
                                                          [ Nel plagio della vita siamo tutti liberi, ma
                                                            nella vera realtà siamo solo inani schiavi
                                                            in catene… ]
 
 
 
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...